Chi sono

La mia storia

Sono nato a Fiesole nel 1980 da mamma tedesca e babbo italiano. Mi sono laureato qui a Firenze in (astro) Fisica e da alcuni anni insegno matematica e fisica alle superiori come precario, quest’anno sono al Marco Polo all’Isolotto.

Mi sono impegnato sopratutto nell’associazionismo e nei movimenti, a partire dai collettivi studenteschi ma ho una tessera di partito in tasca: quella della Sinistra Europea.

Da sempre ho lavorato per rinnovare le forme della politica, per una sinistra che superasse le proprie divisioni, fosse credibile ed orgogliosa dei propri ideali.

Perché mi candido

Perché se è vero la lotta per un mondo migliore si fa nel posto di lavoro, per chi ce l’ha, nelle associazioni e nelle tante forme di micro resistenza, la lotta si fa anche nelle istituzioni, cercando con umiltà di cambiare le condizioni di vita in un territorio.

Per questo sostengo Antonella Bundu a sindaca di Firenze, per questo ho deciso di impegnarmi in prima persona per l’ampia coalizione che la sostiene.

Mi candido perché nei collettivi universitari ho imparato quanto fosse importante lottare per quelle che sembrano piccole cose ma che fanno la differenza nella vita delle persone: una linea dell’autobus pensata meglio o il recupero di uno spazio abbandonato che diventa centro di socialità non sono mai azioni politicamente neutre ma ciascuna porta con sé un’idea differente delle relazioni umane, politiche e sociali che si sviluppano in un territorio, in un quartiere.

Per l’Isolotto, alcuni spunti dal programma

I Quartieri sono istituzioni che non hanno poteri e risorse: dobbiamo decentrare dal Comune verso i quartieri per una politica più vicina ai cittadini, in grado di attivare impegno ed energia sul territorio.

L’Isolotto è un quartiere popolare pieno di verde ma con pochi centri di aggregazione e che la sera abbassa il bandone. Un quartiere deserto la sera è un quartiere insicuro.

Tempi certi sui lavori di piazza Isolotto e soluzioni diverse per pavimentazioni e criticità emerse.

Progetto intercomunale per Ex caserma Lupi di Toscana con asse viario che risolva la situazione intorno all’ospedale.

Come Votare per non rischiare di disperdere il voto

Sia per il Comune che per il Quartiere vota sul simbolo di una delle liste che sostengono Antonella Bundu sindaca e Filippo Zolesi presidente di quartiere; così il tuo voto va anche a Bundu e a Zolesi. Al contrario se voti solo per loro il voto NON va alle liste e rischia di disperdersi.

Puoi esprimere due preferenze in entrambi i casi purché di generi differenti.